Il cerca libro- la tua libreria digitale gratuita

Parigi era solo uno sfondo.

C. CONTILLI,L.CIPRIANI PARRA e A. POERIO,

Parigi 1832: la popolazione insorge contro il re Luigi Filippo, posto sul trono dalla rivoluzione di due anni prima, le strade sono percorse dai rivoltosi. Un uomo, un esule, un poeta, colui che diventerà un eroe, sacrificando la propria vita nella difesa di Venezia, accorre presso la donna amata, temendo che lei sia impaurita dal clamore della battaglia, ma la trova tranquilla, serena, per nulla spaventata, armata di pistola: anche lei, se non fosse stata trattenuta dall’amore per i figli, ancora piccoli, sarebbe potuta diventare un’eroina, in Grecia, dove avrebbe voluto recarsi, anni prima, col suo amante, a combattere per la libertà. I due protagonisti di questo episodio e dell’intero testo, scritto da CRISTINA CONTILLI, sono LAURETTA CIPRIANI PARRA e ALESSANDRO POERIO, esuli, entrambi, nella capitale francese e, pare, vicini di casa, in Rue Luis Le Grand.

Parigi era solo uno sfondo.

Alessandro Poerio e Lauretta Parra tra amicizia e amore

Parigi era solo uno sfondo.ultima modifica: 2009-04-19T11:17:00+00:00da
Reposta per primo quest’articolo