Il cerca libro- la tua libreria digitale gratuita

poesia orientale

“Contemplare gli spettacoli naturali della luna, della neve, della fioritura dei
ciliegi (sakura) e delle foglie di acero (momiji), il gusto di cantare canzoni, bere
sake e provare piacere soltanto nel fluttuare, lungo la corrente del fiume come
un secco guscio di zucca.” Così Asai Ryōi 1 nel suo Racconti del mondo fluttuante
descriveva il termine “ukiyo”. Dalle rigide atmosfere medievali della classe
guerriera dei samurai – riconvertita in altri ruoli e mestieri – si passò alla licenziosità
“barocca” di una stagione vitale, leggiadra e fluttuante, carica di seduzione,
erotismo e teatralità profusa dal Kabuki, diventata la più popolare forma
di spettacolo.

Fluttuando lungo la corrente
dell’Ukiyo-e

di Anna Borgoni

poesia orientaleultima modifica: 2009-04-22T11:06:00+00:00da
Reposta per primo quest’articolo